Far frittata strapazzata di lupini


La farina di lupini, sarò sincera, è quella che più amo tra quelle di legumi! L'ho scoperta un paio di anni fa, la trovo davvero saporita (ma questo è un gusto personale) e di solito una volta a settimana sotto forma di farinata (d'inverno) o di far frittata (d'estate) è presente nella mia alimentazione!

Un'ottima fonte proteica (i lupini sono tra i legumi più ricchi in proteine, ecco perché molto amati dagli sportivi) per dare vita a secondi piatti super appetitosi, da accompagnare ad una fonte di carboidrati complessi (come cereali, pane, patate...) e di verdure per un pasto completo e nutriente.


Quella di oggi è una ricetta davvero semplice, che spero vi piacerà! La far frittata si conosce solo di ceci, ma vi assicuro che non vi deluderà in questa versione!

Alcuni percepiscono come un pochino amara questa farina, ed ecco che (se dovesse essere così anche per voi) vi lascio qualche trucchetto per smorzare questo sapore:

  • utilizzare del latte vegetale senza zuccheri per l'impasto, o dello yogurt di soia;

  • aggiungere elementi più saporiti come capperi, olive, pomodori secchi;

  • arricchire con spezie/erbe aromatiche (basilico, rosmarino, origano, paprika...);

  • utilizzare verdure che diano sapore (cipolla, porro oppure aglio se graditi) ed altre che preferite.

Per questa versione:

  • 1 zucchina piccola

  • 1 carota

  • cipolla

  • qualche oliva

  • olio evo (1 cucchiaio scarso)

  • 2 dita di acqua

  • 2 pizzichi di sale

  • basilico e rosmarino freschi

  • 40g di farina di lupini

  • 80g di latte di soia senza zuccheri

Procedimento:

tagliare le verdure e le olive e rosolarle in padella con olio, sale e poca acqua; aggiungere basilico e rosmarino, mescolare e lasciare si consumino a fiamma medio bassa.

Nel frattempo mescolare la farina con il latte e creare una pastella semi-densa; aggiungerla ora alle verdure che saranno ormai cotte e mescolare uniformando il tutto.

Coprire e lasciare andare per 5/6 minuti, a questo punto strapazzare con un cucchiaio di legno e terminare la cottura.


Non preoccupatevi se non vi sembrerà cotta, si addenserà del tutto una volta spento il fuoco.

Io l'ho servita con un'insalata di rucola e pomodorini e del pane fatto in casa!


Che ne dite? la proverete?

ISCRIVITI ALLA MIA NEWSLETTER

LINK UTILI

Cliccando "Iscriviti" accetti Termini e Condizioni e Privacy Policy.

SEGUIMI

© 2020 by Elena Mazzetto. Partita IVA 01557340294. All rights reserved.